english Catalan

scarica la brochure | biografia | testo completo | home de I Musici | contatto


 

L’anno è il 1951. La seconda guerra mondiale è finita da poco. Tutta l’Europa è pervasa da un grande fermento, ricostruire è la parola chiave. Non solo le mura, anche gli spiriti degli uomini hanno bisogno di essere ritemprati, la cultura è il motore di questo rinascimento.

Roma. Italia. La culla dell’arte. Dodici ragazzi, da poco diplomati, quasi tutti provenienti dal Conservatorio di S. Cecilia e dalla scuola di Remy Principe, si mettono insieme per fare musica e dare un senso compiuto alla loro passione. Scelgono un nome semplice, dal suono tipicamente italiano, decidono di chiamarsi ‘I Musici’, un modo antico ma elevato per dirsi musicisti. Il debutto avviene a Roma a Santa Cecilia il 30 marzo 1952.

Per una fortunata combinazione li ascolta il grande Arturo Toscanini che, commosso, esclamerà: “ho sentito dodici ragazzi… bravi, bravissimi: no, non muore la musica!”.

La nostra storia parte da qui, da un punto che sembra lontano nel passato, eppure è ancora così vivo nei ricordi di chi l’ha vissuto e così presente nelle menti di chi si è avvicendato, da averci accompagnato senza che quasi ce ne accorgessimo per sessant’anni.

 

 

  freccia

scarica la brochure | biografia | testo completo | home de I Musici | contatto